PETIZIONE PER RIDURRE L'INDENNITA' DEI POLITICI E DEGLI AMMINISTRATORI PUBBLICI

COME SI FIRMA: Basta andare sul sito :"www.notiziesindacali.com"e firnmare la PETIZIONE


www.notiziesindacali.com LANCIA UNA PETAZIONE PER LA RIDUZIONE DELLE INDENNITA' DEI POLITICI ED AMMINISTRATORI.


di Raffaele Pirozzi


La crisi sta colpendo pesantamente la Società Italiana: lavoratori e lavoratrici, pensionati e pensionate, commercianti e liberi professionisti con la perdita di posti di lavoro e di reddito. Gli esperti calcolano che saranno perduti circa un milione di posti di lavoro ed il PIL sarà -4,3% .

Coloro i quali saranno più colpiti pesantamente sono : i giovani e le donne, il Mezzogiorno

Alla fine della crisi tutti gli italiani saranno più poveri .

Per questo, il giornaleonline ha lanciato la petizione che si prega di leggere ed eventualmente firmare . Questo per fare in modo che tutti siano chiamati a contribuire alla crisi.





PETIZIONE PER LA RIDUZIONE DELLE INDENNITA' DEI POLITICI ED AMMINISTATORI.


FIRMA ANCHE TU



"www.notiziesindacali.com" giornaleonline, ha deciso di lanciare una PETIZIONE, firmata da cittadini e cittadine, da inviare a tutti coloro i quali sono impegnati in "Politica" . Obiettivo della petizione è : RIDUZIONE DEGLI "STIPENDI " DEI POLITICI ED AMMINISTRATORI IN MODO DA CONTRIBUIRE AD ALLEVIARE LA "CRISI" CHE, DAL NORD AL SUD, STA COLPENDO LAVORATORI ,GIOVANI, DONNE; CON PERDITA DI POSTI DI LAVORO E DI SALARIO .


La PETIZIONE è così articolata:


DEPUTATI, SENATORI, PRESIDENTI, ASSESSORI E CONSIGLIERI REGIONALI, PRESIDENTI ED ASSESSORI PROVINCIALI NONCHÉ SINDACI ED ASSESSORI DI COMUNI CON UN INDICE DI ABITANTI SUPERIORE A 50.000 DOVREBBERO SOTTOSCRIVERE 1/3 DELLA LORO INDENNITÀ DI CARICA O STIPENDIO . SINDACI ED ASSESSORI DI COMUNI CON UN INDICE DI ABITANTI AL DI SOTTO DI 50.000 DOVREBBERO INVECE SOTTOSCRIVERE IL 20% DELLA LORO INDENNITÀ DI CARICA O STIPENDIO.


I Fondi così raccolti sarebbero dunque a disposizione dei Territori di competenza e vincolati per

favorire lo sviluppo economico e sociale

permettere la crescita delle attività di risparmio energetico

determinare il miglioramento della Scuola

assicurare l'Assistenza dei cittadini più poveri.






Raffaele Pirozzi direttore giornaleonline"www.notiziesindacali.com"