Terremoto: anche dall’agriturismo concreta solidarietà per l’Abruzzo Una gita in campagna per aiutare chi soffre e ha perso tutto


Terremoto: anche dall’agriturismo concreta solidarietà per l’Abruzzo
Una gita in campagna per aiutare chi soffre e ha perso tutto
 
Domenica prossima 19 aprile si svolge la terza Giornata nazionale dell’agriturismo promossa dalla Cia e da Turismo Verde. Un’iniziativa che quest’anno avrà un significato
particolare. Le aziende praticheranno sconti che i visitatori potranno devolvere alle popolazioni colpite dal tragico sisma. Sarà possibile anche fare donazioni e versare contributi sul
conto corrente aperto dalla Confederazione.
 
Anche le aziende agrituristiche si mobilitano con iniziative di solidarietà a favore delle popolazioni dell’Abruzzo tragicamente colpite dal terremoto. Domenica 19 aprile, in occasione
della terza Giornata nazionale dell’agriturismo, promossa dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori e da Turismo Verde, sarà, infatti, possibile raccogliere fondi da destinare a chi
oggi soffre e ha perso tutto, anche gli affetti più cari.
Le aziende partecipanti all’iniziativa di Cia-Tursimo Verde esprimeranno la propria solidarietà all’Abruzzo praticando uno sconto ai visitatori che potrà essere devoluto
alle popolazioni colpite dal tragico sisma. Ma non solo: sempre presso gli agriturismi sarà possibile fare delle donazioni che gli operatori provvederanno a versare sul conto corrente
bancario aperto dalla Cia per questa finalità (Ugf Banca Ag.12 Via Saturnia 21 Roma Iban: IT 56 I 03127 03200 CC 0120005581 Bic: Baecit2b “La Cia per l’Abruzzo”).
“Agriturismo è… cultura del paesaggio agrario” è lo slogan scelto da Cia-Turismo Verde- per la terza Giornata nazionale dell’agriturismo. Centinaia di aziende
organizzeranno delle aperture “speciali” per accogliere quanti decideranno di trascorrere una giornata diversa, all’insegna del buon cibo, del relax, di una ospitalità che
trasmette “saperi e sapori”: si potrà scegliere tra “percorsi della memoria” e menu storici e locali, tra terapie del benessere e degustazioni “guidate”, tra
brevi corsi per “imparare a fare…” (il pane, la pasta, i dolci tipici locali, le marmellate…) visite storico-culturali. Ma non solo: l’obiettivo di quest’anno è
far conoscere, soprattutto ai giovani e fra quanti ne hanno una percezione un po’ confusa, gli elementi fondanti del paesaggio agrario nazionale.
Comunque, la “Giornata” del 19 aprile non sarà soltanto “semplice” ospitalità e ristorazione, escursioni e passeggiate di scoperta per una più attenta
fruizione dei diversi territori regionali. Sarà soprattutto una “Giornata di solidarietà”. Una “Giornata” particolare durante la quale far sentire la vicinanza e
il sostegno a tanta gente che è stata travolta da una tragedia immane. Solidarietà che Cia e Turismo Verde intendono rendere tangibile attraverso le molte aziende che hanno dato la
piena adesione ad un gesto concreto di grande umanità e di forte valore sociale.
 

Comments

comments