Venezia, la perla della laguna veneta

Di Venezia si potrebbe parlare per ore descrivendo le sue tante bellezze e le sue particolarità. È una città diversa da ogni altra al mondo e tutti al mondo ormai lo sanno. Per questo milioni di turisti accorrono qui e si fanno spennare da ristoratori e negozianti. Ma in fondo non se ne può fare a meno e anche questa è una delle caratteristiche di Venezia centro. In fondo una città costruita interamente sull’acqua, invece che sulla terra, non può che essere diversa dalle altre e avere regole di vita diverse dalle altre città.

Come si arriva a Venezia, si viene catturati dalla sua atmosfera, che da subito ci appare magica e diversa da ogni altra città del mondo.
A Venezia non esistono le auto, non esistono nemmeno moto o biciclette. Ci si ritrova invece circondati da palazzi medioevali e canali. L’atmosfera e il paesaggio non sono quelli di una moderna città contemporanea, ma di una città da favola, rimasta immutata dai tempi delle dame e dei cavalieri. Camminando fra le sue vie e le calli, come sono chiamate le vie di Venezia, siamo costantemente circondati da monumenti e chiese che per se stesse sono capolavori da ammirare gratuitamente.

Venezia è anche chiamata la “Città degli innamorati” perché, proprio per il fatto che non esistono le automobili, permette delle passeggiate lunghe e serene avvolti solamente dal suono dell’acqua che lambisce le sue rive. Venezia sembra una fortezza in cui il tempo si sia fermato, in cui non ci sono condomini o autostrade. Senza contare che a Venezia si trovano alcune delle più belle opere originali di molti grandi artisti italiani come Jacopo Tintoretto, G.B Tiepolo, Tiziano, Veronese, Bellini, Giorgione ecc. nelle sue chiese, nei musei o nei palazzi di Piazza San Marco.

Oltre ad essere un paradiso per gli amanti dell’arte moderna, Venezia dedica ogni due anni una delle mostre più importanti a livello mondiale all’arte contemporanea: la Biennale di Venezia. Sempre a Venezia è possibile visitare la Peggy Guggenheim Collection, ricca di capolavori di artisti contemporanei.

Ma la particolarità di Venezia non è solo nella sua architettura, per esempio il mezzo di trasporto tipici è la gondola, unica imbarcazione al mondo lunga ben 11 metri e pesante più di 600 Kg a poter esser manovrata con leggerezza e facilità da una sola persona e con un solo remo, è diventata, per milioni di turisti, il simbolo stesso di Venezia.
Un’altra particolarità sono le maschere veneziane, che ora sono usate nei costumi di Carnevale, ma che una volta i veneziani usavano anche durante l’anno e in certi luoghi, una scusa ideale per trascorrere le vacanze Venezia. Il motivo era il più ovvio, non farsi riconoscere. Ed ecco che, ad esempio, si mascheravano quando partecipavano al Gioco d’Azzardo al Ridotto, perché non volevano essere riconosciuti dai creditori che altrimenti non gli avrebbero dato tregua. Le donne si mascheravano non solo per non farsi riconoscere ma anche per bellezza. Quando si recavano all’Osteria Selvadego si mettevano una maschera di velluto per far risaltare il candore del proprio viso.

Venezia è ricca di locali, bar o trattorie dove le persone possono mangiare i tipici “cicchetti” veneziani e bere degli ottimi spritz, magari ascoltando dell’ottima musica Jazz suonata da musicisti favolosi. E nei ristoranti è possibile assaggiare alcuni piatti tipici, soprattutto a base di pesce, che non mancheranno di soddisfare il vostro palato dopo aver arricchito la vostra mente durante la giornata passata ad ammirare le meraviglie di questa città.

A cura di Martina Meneghetti
Prima Posizione Srl - Marketing advertising