Archivi autore: admin

Traduzioni professionali ed asseverate con Giuliana Bonifacio

Le traduzioni professionali ed asseverate rappresentano un passaggio obbligato per tradurre documenti, patenti, carte d’identità, pratiche, titoli di studio, ecc. Nello specifico la traduzione asseverata, da depositare in Tribunale, conferisce la legalità necessaria all’intera documentazione  da presentare all’estero. Avere un professionista che si occupi dalla A alla Z della traduzione dei documenti, e della loro asseverazione presso il Tribunale, è un grado vantaggio. Tutti questi servizi sono garantiti da Giuliana Bonifacio, una traduttrice professionale di inglese e di spagnolo che opera nella zona di Udine. Adesso è possibile richiedere direttamente online i servizi della professionista, accedendo al suo sito web. Basta inviare il documento da tradurre, e ricevere in giornata un preventivo chiaro e trasparente per la traduzione.

Tra i servizi più gettonati in questi ultimi tempi c’è la richiesta di cittadinanza italiana, e di conseguenza la traduzione di una documentazione molto ampia e cospicua. Recentemente in Brasile, in Argentina e soprattutto in Venezuela c’è una grandissima richiesta di passaporti italiani. Molti figli o discendenti di emigrati italiani infatti vogliono lasciare il loro paese, per tornare in Italia o avere comunque una porta aperta per l’Europa. I traduttori sul posto scarseggiano, così come le liste di attesa per ottenere una traduzione hanno tempi biblici, finanche due anni. Infine il processo di traduzione dei documenti ha dei costi elevatissimi, non accessibili a tutte le tasche. Lo studio di Giuliana Bonifacio può evadere tutte le pratiche in tempi ragionevolmente brevi, ed a prezzi sicuramente più competitivi.

Giuliana Bonifacio impartisce anche lezioni private di inglese “one to one”, per tutte le persone che richiedono il servizio. Molti genitori infatti vogliono che i loro figli imparino l’inglese, una lingua universale che apre le porte anche a diversi lavori. Perciò i bambini in età scolare iniziano a studiare l’inglese sin da piccoli. Lo stesso discorso vale per gli universitari, che si avvicinano al mondo del lavoro. Masticando bene l’inglese sarà più facile trovare un’occupazione anche all’estero.

Molti lavoratori vengono inviati all’estero per esigenze aziendali, quindi devono conoscere bene l’inglese. In alcuni casi imprenditori o liberi professionisti vogliono lanciarsi in un’avventura fuori dai confini nazionali, ed anche in questo caso è preferibile conoscere bene l’inglese. Giuliana Bonifacio impartisce lezioni di inglese a chiunque lo desideri, stilando un piano personalizzato in base alle proprie conoscenze, abilità e tempi di apprendimento. La professionista è anche iscritta nell’elenco dei traduttori giurati di Udine, e rappresenta una delle migliori traduttrici della sua zona di riferimento.

Scoprite tutto su Giuliana Bonifacio Traduzioni su www.giulianabonifacio.it o in Via Sistiana 2 a Udine (si riceve su appuntamento).

 

5 suggerimenti per sfruttare il post-show fieristico

Con tutto ciò che serve per pianificare una fiera, può essere facile dimenticare alcune pratiche di marketing fondamentali.

Tuttavia, trascurando il cruciale networking, le opportunità promozionali e di vendita dopo che le luci si sono spente e le folle sono sparite, diminuisce il tuo ritorno sull’investimento.

Secondo una ricerca condotta dal Centro per la ricerca dell’industria fieristica (CEIR), l’80% dei contatti commerciali, raccolti all’interno degli stand in fiera, non viene mai seguito dopo che l’evento è finito.

Questo è un numero enorme e rappresenta molte opportunità di affari perse.

Come un’azienda (in)segue i loro contatti, dopo una fiera, è fondamentale.

Sapere esattamente cosa fare e avere una lista di strategie pratiche utilizzabili è molto importante.

Di seguito ho alcuni suggerimenti utili per aiutarvi a creare il vostro piano di azione dopo che la fiera di settore è finita.

1. Classifica i tuoi contatti

Ogni contatto che hai raccolto è importante, dovresti raggiungerne il maggior numero possibile, tuttavia, non tutti hanno lo stesso livello di interesse.

Per questo motivo, il tuo tempo e il tuo metodo di contatto dovrebbero essere personalizzato per ciascun livello di interesse.

Assicurati che il personale dell’evento prenda ottime note e separi ciascun contatto per valore alto, medio e basso.

Qualsiasi contatto “caldo bollente” dovrebbe essere contattato personalmente, faccia a faccia o al telefono, entro i primi due giorni dopo averlo “catturato”.

2. Schede e note di ringraziamento

Dopo aver interagito con i visitatori e aver raccolto le loro informazioni di contatto, è necessario inviare un contatto post-show iniziale il più presto possibile, preferibilmente entro i primi giorni.

Una chiamata o una email che punti direttamente alla vendita potrebbe sembrare troppo invadente così presto.

Per evitare di sembrare troppo desideroso di chiudere la “transazione”, invia biglietti di ringraziamento; note o regali sono un ottimo modo per mantenere il tuo nome in primo piano nella mente dei tuoi potenziali clienti.

Se possibile, prova a personalizzare la tua corrispondenza per far loro sapere che per te non sono un semplice numero, puoi farlo facendo riferimento ai dettagli della conversazione precedentemente avuta con loro durante l’evento.

3. Contatta direttamente i tuoi contatti

Dopo aver inviato i messaggi di ringraziamento, attendi una settimana o due per interagire nuovamente con i tuoi contatti, questa volta per telefono o via email.

Dato che hai inviato una corrispondenza di ringraziamento, ora hai una buona introduzione per la tua conversazione di lavoro con loro.

Non puntare mai direttamente alla vendita, ma fai riferimento alla conversazione precedente, chiedi se hanno ricevuto il ringraziamento e sfrutta questa opportunità per fissare un appuntamento di vendita.

Ricorda che l’80% dei lead di post-show non viene seguito, quindi assicurati di ridurre il più possibile questa percentuale con la tua strategia.

4. Sfrutta le immagini e i social media

Hai speso un sacco di tempo e denaro per la tua fiera, perché non trasmettere il tuo evento di successo al mondo?

Assicurati di avere una galleria completa di immagini della tua presenza, pronte per essere condivise sui social media durante e dopo la manifestazione, se hai dei video, assicurati di postare anche quelli.

5. Misura il tuo successo

Ora che tutta la polvere si è stabilizzata devi riflettere sulla tua esperienza in fiera.

Hai raggiunto i tuoi obiettivi?
Qual è stato il ROI dell’evento?
Il tuo approccio e la tua strategia sono stati efficaci?

Rispondere a queste domande ti aiuterà a migliorare nelle aree chiave per la tua prossima partecipazione in fiera.

Sistemi antitaccheggio: tutto quello che occorre sapere

Il taccheggio: un fenomeno sempre più diffuso

Da anni le attività commerciali si trovano a far fronte ad un grosso problema ovvero quello del taccheggio. Infatti, anche dando un’occhiata sui principali siti e quotidiani di informazione locali e nazionali, si può notare come siano tante le news ad esso inerenti. E la cosa che bisogna considerare è che non riguarda più solamente le persone meno abbienti, ma anche ragazzi o persone che lo fanno per il puro gusto di portare con sé prodotti non pagati. Una trasgressione che può essere pagata a caro prezzo. Ciò spiega i motivi per cui sempre più aziende ed attività commerciali hanno deciso di adottare dei sistemi antitaccheggio di primo livello. Grazie ad essi è possibile rilevare immediatamente l’eventuale presenza di prodotti non pagati e che potrebbero essere portati via dai clienti. Ovviamente è bene comunque considerare quelli che sono i vari
sistemi antitaccheggio di maggiore uso al giorno d’oggi: non mancano le alternative, adattabili a qualsiasi tipo di esigenza commerciale.

Le alternative disponibili come sistemi antitaccheggio

Bisogna tener conto di un aspetto fondamentale, ovvero che si possono trovare svariati sistemi antitaccheggio adatti per ogni tipo di attività commerciale. Si parte, ad esempio, dalle telecamere di videosorveglianza che sono ancora oggi molto utilizzate e non richiedono spese eccessive. Ma è bene considerare come sistema antitaccheggio anche gli espositori antitaccheggio: questi sono adatti, ad esempio, per gioiellerie o negozi di telefonia. Si tratta di vere e proprie teche in cui vengono esposti i prodotti collegati a dei sistemi di allarme nel caso in cui vengano portati via. Anche la sorveglianza in radiofrequenza va annoverata tra i sistemi antitaccheggio più convenienti e che va per la maggiore tra le attività commerciali. Questa è una soluzione che sfrutta apposite targhette che contengono dei tag che comunicano con dei lett
ori presenti nei varchi che solitamente vengono piazzati all’ingresso di un negozio. Ovviamente ci sono anche sistemi antitaccheggio dotati di suono che possono così creare imbarazzo nel momento in cui vengono portati via dei prodotti e che perciò permettono di vedere subito chi ha sottratto della merce.

I vantaggi di un sistema antitaccheggio

Un titolare di una attività commerciale non può non considerare l’utilizzo di appositi sistemi antitaccheggio. È bene ricordare che questi permettono di creare un ottimo deterrente che possa così scoraggiare le persone dal commettere un furto all’interno di un negozio. E questo spiega anche il motivo per cui all’interno della maggior parte delle attività che usano sistemi antitaccheggio essi sono visibili: proprio per far capire ai clienti che è meglio non farsi tentare in quanto si può essere facilmente scoperti. Ovviamente non si può non ricordare che per un proprietario di un’attività commerciale è importante disporre di un sistema antitaccheggio valido in quanto esso riduce al minimo le perdite della propria attività. Infatti il taccheggio porta alla riduzione del guadagno e quindi ad un investimento perduto. E chiaramente da questo pu
ò dipendere anche una migliore gestione della merce che viene così esposta nel modo giusto e soprattutto nelle giuste quantità. Il che lascia intendere perché ormai quasi tutte le attività commerciali hanno dei sistemi contro i furti.

Dove organizzare degli eventi aziendali a Roma

La città di Roma, oltre ad offrire degli spazi di piccole e di medie dimensioni per organizzare degli eventi aziendali, dà anche l’opportunità di ospitare delle convention o dei meeting più grandi all’interno di location che sono considerate dei veri e propri fiori all’occhiello della capitale italiana.

 

Ci sono infatti dei posti che, oltre ad essere molto lussuosi e a proporre servizi come il centro benessere, la piscina e altre sale dedicate alla cura del corpo, offrono anche delle sale che possono contenere fino a novecento persone.

 

Si tratta senza dubbio di una soluzione ideale, soprattutto se sei alla ricerca di un luogo in cui organizzare un grande evento aziendale a Roma e a cui interverranno uomini d’affari oppure clienti molto importanti e che da te non si aspettano altro che il meglio.

 

Se preferisci una location che si trova al di fuori dal centro di Roma, che in alcune ore può essere molto caotico, nelle vicinanze della stazione ferroviaria di Roma Termini e dell’Aeroporto di Roma Fiumicino si possono trovare sale meeting in grado di ospitare fino a seicento persone.

 

E non è tutto: alcune di queste hanno anche un valido impianto di traduzione simultanea, che permetterà ai tuoi clienti o ai tuoi ospiti di esprimersi nella loro lingua natale, senza però correre il rischio di non essere capiti o di essere fraintesi!

 

Appena un po’ più distante invece, a Tivoli, si possono incontrare anche hotel a quattro stelle che, oltre a sale da meeting, offrono spazi circondati da parchi immensi oppure sale riunioni con accesso diretto alle piscine, all’area benessere, al solarium oppure ai servizi di ristorazione