Smart building e smart spaces

Innanzitutto uno smart building è un edificio intelligente. In particolare è un edificio dotato di specifiche funzionalità avanzate che mediante un insieme di dispositivi elettronici è in grado di monitorare e controllare diversi impianti come quelli meccanici, elettrici, d’illuminazione ed anche moltissimi altri.
Lo smart building ha la finalità di fornire alla persona un elevato livello di sicurezza, stabilità, economicità, ottimizzazione energetica ed anche tutela dell’ambiente.
Gli elementi hardware e software che dovrebbero costituire l’edificio sono molteplici questi possono essere: sensori, attuatori, controller, interfacce di comunicazione, bus di collegamento che permettono lo scambio di informazioni tra i diversi elementi.
Nel 2016 secondo una ricerca chiamata “Smart Building Market by Automation Type” la tecnologia smart bulding è riuscita a raggiungere un introito di ben 5,8 miliardi di dollari e si pensa sempre secondo questa ricerca che invece nel 2024 addirittura raggiungerà una crescita di 61,9 miliardi di dollari.

Smart spaces: le principali caratteristiche

Questa terminologia sembra un po’ complicata da capire, ma smart spaces non è altro che uno spazio intelligente, ovvero un’ambiente fisico ed anche digitale dove essere umani e sistemi di intelligenza tecnologica interagiscono in un ecosistema molto complesso.
Per capire meglio, lo smart spaces riesce a combinare in maniera adeguata diversi elementi come persone, processi, servizi e molto altro in una piattaforma specifica per avere un’esperienza più collaborativa, automatizzata ed anche immersiva.
Questo 2019 può essere importante per questa innovativa tecnologia, e ancora di più negli anni futuri, infatti ormai è all’ordine del giorno ed ogni persona se ne può può anche accorgere che ormai la scienza ha fatto passi da gigante in merito a questo campo.
Uno studio prevede che più avanti si andrà, più aumenteranno le probabilità di osservare non solo la comunicazione tra diversi dispositivi tecnologici ma anche che vi sia questo scambio di informazioni fra questi stessi dispositivi e l’essere umano al fine di automatizzare i processi e risolvere specifici problemi anche molto difficili.
Smart spaces offre anche la possibilità di utilizzare questo strumento contemporaneamente su più dispositivi, che possono essere un computer, uno smartphone o anche un tablet.
I temi comunque dello smart spaces sono: automatizzazione degli ambienti, ovvero cercare di rendere completamente automatici i vari ambienti, riducendo anche i costi operativi e di manutenzione, massimizzando il livello di comfort.
Altro tema è il controllo del consumo e risparmio energetico, ovvero la presenza dei moduli intelligenti di gestione dell’energia che consentono un adeguato controllo economico elevato del rapporto che vi può essere fra consumo di energia, stoccaggio ed alimentazione.
Integrazione di sistema, ovvero l’utilizzazione di strutture intelligenti dove vengono integrate delle specifiche applicazioni ed anche prodotti diversi in un sistema globale.
Progettazione integrale, in questo caso si cerca di prendere delle decisioni che vanno ad influenzare il ciclo della vita di un edificio, dove tutti i soggetti coinvolti sono partecipatori attivi di queste decisioni.

Comments

comments